Materia Sottile



Vi sarà capitato almeno una volta nella vita di sapere il nome di una persona e dirgli: “sì, hai proprio la faccia da Paolo!”.

Cosa vi fa fare questa affermazione?

Con quale criterio possiamo collegare un nome ad un volto o ad un’intera persona?

Possibile che stiate sentendo qualcosa appartenente non solo al mondo fisico, ma agli strati più sottili che lo compongono?

In effetti ci sono vari “piani” o “corpi sottili” che compongono la realtà, uno dentro l’altro, come una matriosca, quindi si possono vedere i vari riflessi esterni di questi piani, come fossero le loro proiezioni. Per esempio si può vedere il riflesso astrale della persona e dire che è molto accesa (se è felice) o grigia (se è triste o depressa) e dargli due nomi diversi a seconda dello ‘stato emotivo’ in cui si trova. Oppure vedere il riflesso del corpo mentale e cogliere con maggior nitidezza i suoi obiettivi dandogli un terzo nome diverso dai due di prima.

Si può persino cogliere la nota fondamentale della persona – l’Anima – e dargli così un nome più adatto alla sua essenza piuttosto che alla sua forma.

Più si è competenti su un piano e più si può vedere il corrispettivo piano di appartenenza, anche degli altri. Per esempio: se, grazie ad un profondo lavoro su voi stessi, basato sull’Osservazione imparziale, avete raggiunto un certo grado di identificazione con la vostra anima, riuscirete con più facilità a vedere (percepire) l’anima dell’altro, quando presente in maniera attiva. Se invece il vostro livello di coscienza staziona sul piano astrale o mentale, sarete direzionati a vedere principalmente questi piani.

Ciò che come esterno m’appare, è in realtà il succo del mio cuore.

Il Conte di Cagliostro

L’esterno è interno

Draco Daatson

Questa è la prova che non dovete ricercare la Magia all’esterno, credere in essa, o fare riti per “vedere oltre”, poiché già adesso, magari in minima parte, vedete qualcosa di più sottile. Se vedeste solo il mondo/corpo fisico delle persone e delle cose, sicuramente certe affermazioni non troverebbero mai nascita in voi.

Ciò che si vede è di competenza dell’Osservatore e serve maggiormente ad esso, nella misura in cui naturalmente gli sarà utile per Servire al meglio il suo prossimo. Questo non vuol dire che se si vedono chiaramente i piani sottili si è automaticamente più svegli degli altri e non vuol dire che, se non si vedono, siete distanti dalla vostra anima. Non è una regola generale.

Si vede solo ciò che rientra a far parte del proprio servizio, oltre a quanto detto prima, quindi se non serve vedere certi piani non li vedrete, poiché risulterebbero d’intralcio.

Ma non dimenticate che va indagata umilmente e approfonditamente qualsiasi “struttura” osservata. La regola (che prima o poi l’umanità realizzerà come comune fatto oggettivo e non più come ‘regola da seguire’) è sempre la stessa: vedo all’esterno ciò che profondamente sono.

Con che occhi vedi gli occhi che stai guardando?

Fabio Iacontino


ISCRIZIONE ALLA MAILING LIST

http://eepurl.com/dg0cUX

Oppure:

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

* campi obbligatori




⚜ VIDEO-CORSO SULL’AUTOSTIMA ⚜
Centro di Gravità Permanente, CGP

Con Paola Costa, Daniela Castellani, Krizia Addis,
Fabio Iacontino, Andrea Zurlini e Devid Venara

A SOLI 47€ + Iva (meno di 55€)

➡ ACCEDI AL CORSO ⬅


APPUNTAMENTI:

MILANO

I PRINCIPALI OSTACOLI AL LAVORO SU DI SÉ
Conferenza con Fabio Iacontino

GIOVEDÌ 21 MARZO 2019dalle 19:00 alle 21:00
Presso la “LIBRERIA ESOTERICA”
Galleria Unione 1, Milano

Per info e iscrizione: https://goo.gl/3pNYTd

Evento FB: https://goo.gl/K2bqZe


CESENATICO

Intervento al Convegno di Cesenatico
Presso il Grand Hotel
8 – 9 – 10 Novembre 2019
Evento in costruzione…

Si consiglia di tenersi aggiornati iscrivendosi alla newsletter di questo blog (qui) del sito del Gruppo Crisopea (qui) o di seguire gli eventi e i post delle pagine Intelligentia Solis e del Gruppo Crisopea su Facebook.



Precedente Stati alterati di Coscienza Successivo La Lamentela